Il caffè aiuta contro il tumore – A confermarlo alcuni studi

Caffè e tumore – la bevanda è un potente scudo

Il caffè fa bene al cuore, si sa.

Ora sappiamo anche che il caffè previene il tumore.

Diversi studi clinici dimostrano i suoi effetti benefici a largo raggio sulla salute.

 

Ricerca sul caffè  – Risultati  convincenti  sugli effetti positivi per la salute

Si tratta di una ricerca tutta italiana condotta da un team dell’Università di Catania.

L’indagine sul rapporto tra caffè e tumore è stata voluta dall’epidemiologo nutrizionale Giuseppe Grosso, proprio per fare luce sui risultati spesso contrastanti.

Lo studio clinico è stato portato avanti da Grosso e altri ricercatori delle Università di Cambridge e Harvard.

I risultati di questa ricerca sugli effetti del caffè sulla salute, sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Annual Review of Nutrition, a fine dicembre 2017.

La ricerca è stata svolta attraverso meta-analisi di studi osservazionali e un certo numero di test controllati randomizzati, che validassero i risultati dal punto di vista scientifico.

Lo studio degli effetti del caffè sul tumore è stato condotto senza finanziamenti da parte di aziende produttrici e/o distributrici di caffè.

I dati ottenuti rivelano che il caffè può essere considerato un buon alleato nel contrastare un tumore o comunque patologie oncologiche, specialmente quelle relative all’apparato digerente, tra cui quello al colon.

Il caffè protegge dall’insorgenza anche di altre forme di tumore, come quello alla prostata, al seno e all’utero (in particolare quello endometriale).

Secondo lo studio di Giuseppe Grosso, il caffè riduce il rischio di comparsa di tumore nell’ordine tra 2 e 20% a seconda dei casi.

Il caffè fa bene e protegge dal tumore anche al fegato e intestino.

In particolare, bere caffè tutti i giorni previene anche altre patologie epatiche, come pure riduce la progressione della malattia per chi ne è già affetto.

Senza dimenticare che il caffè riduce anche l’insorgere di malattie cardiovascolari (con un rischio pari a -5%), diabete di Tipo 2 e Parkinson (con una riduzione del rischio fino – 30%), oltre che utile a contrastare i problemi di memoria legati all’Alzheimer.

È proprio la caffeina in esso contenuta che svolge un’azione benefica e protettiva per la salute, oltre che essere associato a un ridotto rischio di mortalità.

Quante tazzine di caffè al giorno è concedersi?

Sulla quantità esatta di caffè da assumere ci sono alcune controversie tra gli esperti.

Gli italiani bevono in media una tazzina di caffè al giorno, che equivale a 50-75 milligrammi di caffeina.

Gli americani, invece, consumano enormi quantità di caffè lungo (il tipico “americano” per l’appunto), che però contiene meno caffeina.

Risulta di particolare importanza sapere quanta caffeina assumere ogni giorno, perché si abbiano gli effetti benefici sulla salute validati dalle ricerche scientifiche.

Negli anni, ci sono stati diversi studi clinici che hanno indagato proprio la quantità di caffeina minima al giorno.

Alcuni esperti indicano tre tazzine di espresso, come la giusta “dose” di caffè da assumere ogni giorno.

Un consumo moderato di caffè  può proteggere dal tumore  e  aiuta a mantenerci in salute.

 

Articolo a cura di:

Corinna Montana Lampo

 

Prolon Kit Dieta Mima Digiuno